• Blog

    Studio Dentistico Di Caprio

Digrignare i Denti: Cause, Conseguenze e Soluzioni

Condividi!
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Youtube

Sai quali sono le principali funzioni dei nostri denti?
Sono quella masticatoria, quella fonatoria (cioè articolare le parole) ed estetica (avere un bel sorriso è un requisito fondamentale per un bel volto), ma quante volte abbiamo utilizzato i nostri denti per esprimere sentimenti di stress o di intensa felicità digrignandoli o serrandoli?

Molti di noi infatti, avranno notato che, in concomitanza di un estremo sforzo fisico o di una forte concentrazione e talvolta anche durante il sonno, tendono a stringere forte tra di loro le due arcate dentarie strofinandole anche fortemente tra loro.

Digrignare i denti: Significato e cause

Questo fenomeno viene chiamato in gergo tecnico, Bruxismo o parafunzione, o semplicemente Digrignare i denti appunto per indicare questo insieme di comportamenti che non rientrano nelle “funzioni ordinarie” dei nostri denti.
Proprio perché mentre serriamo o digrignamo i denti li sottoponiamo ad uno stimolo per il quale la natura non li ha concepiti, le parafunzioni danneggiano gravemente la nostra occlusione, e in casi estremi rendere difficile anche una riabilitazione occlusale.

Quali sono le cause?
Per poterle analizzare bisogna sapere che esistono due tipologie di parafunzioni:

  • Il Bruxismo consapevole;
  • Il Bruxismo inconscio;

Il Bruxismo Consapevole

Nel primo caso, il soggetto che digrigna, serra o strofina i denti lo fa durante il giorno o comunque nelle ore in cui è sveglio, in maniera più o meno consapevole. Ciò è curioso, in quanto,  prima di ricevere una diagnosi, una gran parte di questi pazienti dice di non aver mai fatto caso a questo comportamento. Solitamente le cause di questo tipo di Bruxismo sono:

  • Ansia;
  • Stress;
  • Rabbia;
  • Frustrazione;
  • Profonda concentrazione;
Digrignare i denti | Stress Digrignare i denti | Rabbia

Il Bruxismo inconscio

Nel secondo caso, il paziente stringe i denti durante le ore notturne o, comunque, durante il sonno e lo fa in maniera del tutto inconsapevole. Molto spesso i pazienti non lo sanno o vengono informati da chi dorme accanto a loro o possono risvegliarsi a causa di questo stesso comportamento. Le cause che generano il Bruxismo inconscio sono:

  • Disturbi del sonno;
  • Stress;
Digrignare i Denti nel Sonno Digrignare i Denti

Esistono inoltre dei fattori di rischio, ovvero delle condizioni che possono aggravare o far insorgere questo disturbo, e tra questi ci sono:

  • Età. Digrignare i Denti è molto diffuso in età infantile al punto tale da essere considerato fisiologico in dentatura mista;
  • Personalità. Un carattere competitivo, iperattivo o aggressivo può frequentemente associarsi a questo disturbo;
  • Terapie farmacologiche o assunzione di altre sostanze, l’assunzione di antidepressivi, droghe, il consumo eccessivo di caffè o di nicotina può scatenare il Bruxismo;
  • Familiarità per il bruxismo. Se ci sono in famiglia altre persone che soffrono di Bruxismo notturno, di solito si può avere una certa predisposizione a sviluppare lo stesso comportamento;
  • Disturbi occlusali. Restauri o protesi incongrue o malocclusioni possono incrementare o scatenare il Bruxismo;
  • Patologie fisiche o psicologiche. Il Bruxismo può manifestarsi anche con diverse patologie come il Morbo di Parkinson, Epilessia, Reflusso Gastroesofageo, paure notturne;

Quali sono le conseguenze del Bruxismo?

Purtroppo queste parafunzioni mettono sotto stress il nostro sistema masticatorio, inteso non solo come denti, ma anche come muscoli, mucose ed articolazioni.

I principali sintomi sono:

  • Denti incrinati, appiattiti, fratturati, mancanti;
  • Assottigliamento dello smalto che facendo intravedere la dentina conferisce al dente un colore più scuro;
  • Ipersensibilità dentaria, dovuta all’usura dei tessuti duri del denti;
  • Pesantezza o serramento dei muscoli masticatori, con conseguente incapacità di aprire totalmente la bocca;
  • Dolore o pesantezza  alla mandibola, alla faccia o al collo;
  • Dolori alle orecchie;
  • Mal di testa che si localizza alle tempie;
  • Mordicchiamenti delle guance;
  • Risvegli notturni del soggetto stesso o del partner a causa del rumore generato dallo strofinamento dei denti;

Come rimediare?

Digrignare i Denti | Rimediare con il Bite

Ovviamente una volta effettuata la diagnosi di Bruxismo conscio o inconscio è possibile agire sulle cause che possono averne determinato l’insorgenza. Se la parafunzione non è grave, ovvero non ha determinato danni importanti, non è necessario alcun tipo di trattamento, ma nel caso siano già presenti danni dentari o dolori muscolari o articolari è meglio correre ai ripari.

Nel caso del Bruxismo consapevole possono essere utili:

  • i “Biofeedback” ovvero dei segnali (come i post-it) che ricordino al paziente di non serrare o digrignare i denti;
  • Metodiche che promuovano il rilassamento muscolare, per gestire l’ansia e lo stress;
  • Cambiamento dei movimenti mandibolari, nel caso sia determinato da movimenti erronei della mandibola

Nei casi più gravi, inoltre, può essere opportuna una terapia farmacologica a base di miorilassanti o di ansiolitici. Più raramente, vengono utilizzate iniezioni di botulino.
Inoltre, sia in caso di Bruxismo conscio che inconscio, possono essere utili dei bite, ovvero delle placche occlusali che rivestono le superfici masticatorie dei denti evitando l’usura di questi ultimi.
Per poter valutare la necessità di intervento, dunque, è sempre meglio riferirsi al proprio odontoiatra di fiducia.

Bruxismo, Cause e Soluzioni, Digrignare i denti


Dott.ssa Maria Patrizia Di Caprio

La passione per la nostra professione ci spinge a ricercare la qualita' e l'eccellenza delle tecniche presenti attualmente in Odontoiatria. La premura per i nostri pazienti e la cura dei particolari rendono il nostro lavoro sempre più interessante. Lo studio, di recente costruzione, e' dotato delle più moderne attrezzature elettro-medicali e le nostre scupolose procedure di sterilizzazione, decontaminazione e detersione lo rendono un luogo sicuro ed accogliente. Uno staff competente ed attento sapra' guidare il paziente verso la più corretta e conveniente scelta terapeutica per la riabilitazione delle patologie odontoiatriche. Per poter ricevere un parere professionale basta chiamare per fissare l'appuntamento per una prima visita.

Hai trovato utile questo blog? Condividilo con i tuoi amici!